Svolta nel crac Motorsport interviene direttamente Bmw

601

Nella grave crisi che da tempo attanaglia le concessionarie Bmw Motorsport, arriva la svolta decisiva, attesa soprattutto da decine di clienti che avevano sottoscritto contratti per avere moto e auto ma senza entrarne in possesso. L’azienda veneziana, sommersa dai debiti, aveva poche settimane fa richiesto la procedura del concordato preventivo al Tribunale di Venezia, ottenendo risposta favorevole. I clienti, diverse decine, che avevano ordinato e pagato interamente (o versato cospicue caparre) per ottenere moto e auto, potrebbero dunque entrare finalmente in possesso dei mezzi, molti dei quali presenti nelle concessionarie del gruppo ma congelati a causa della grave situazione debitoria di Motorsport che dunque non poteva consegnarle. Ad intervenire, sbloccando lo stallo, è stata Bmw Italia: la casa madre, dopo uno iniziale e prudente smarcamento dalla vicenda, ha raggiunto, lo scorso 9 marzo, un accordo d’urgenza con Motorsport attraverso il Tribunale di Venezia. L’accordo prevederebbe sos­tanzialmente: la cessione dei contratti sottoscritti dai clienti con Motorsport a Bmw, la conferma da parte di Bmw delle caparre versate e l’impegno a consegnare ai clienti i mezzi ordinati, a fronte del saldo prezzo decurtato, per l’appunto, delle caparre introitate da Motorsport….