SMOG, BOTTACIN: ” TREND PM10 IN CALO IN VENETO”

“I dati sull’inquinamento dell’aria che la Regione Veneto ha fornito, all’opinione pubblica e al ministro Galletti, sono oggettivi e inconfutabili, perché forniti da Arpav, l’agenzia tecnica per la prevenzione e la protezione dell’ambiente, fonte quindi scientifica e super partes”. Così l’assessore all’ambiente della regione Ve­neto, Gianpaolo Bot­tacin, replica agli esponenti di legambiente che oggi hanno messo in dubbio l’attendibilità delle cifre fornite sullo smog presente in queste settimane nella pianura veneta. “Ov­viame­nte la situazione dell’atmosfera – prosegue l’assessore veneto – può e deve essere ulteriormente migliorata: proprio per questo ci siamo trovati oggi a Bologna, per sottolineare che l’area del bacino padano è tra quelle più critiche, in quanto popolata da oltre 20 milioni di abitanti e caratterizzata da scarsità di vento e altri fattori che minano la qualità dell’aria, e quindi bisogna continuare ad investire più che in altre realtà”. “al ministro Galletti ho chiesto massima attenzione per la qualità dell’aria che respiriamo nella pianura padana, e Legambiente deve darmene atto – conclude Bottacin – Ma, per amore di verità, non posso accettare che vengano mistificati i dati e denigrato quanto fatto sinora dalla nostra regione e da questa amministrazione.