SICUREZZA IN CITTA’ “NESSUNA EMERGENZA”

524

Il fare tranquillo del sindaco Jacopo Massaro, che assicura non c’è nessuna emergenza in corso, fa arrabbiare il candidato Franco Roccon. L’ex primo cittadino di Castellavazzo ed ex presidente di Bim Gsp boccia la politica anti malviventi dell’amministrazione e punta ad ottenere il consenso dei bellunesi con proposte più dure. A partire da quella di armare gli agenti di polizia locale. «Nel mio programma che ho già distribuito fra le frazioni – spiega – metto tra i primi punti, oltre all’istituzione del capo frazione che il sindaco in questi anni non ha mai voluto, l’installazione di telecamere leggi targa agli ingressi e alle uscite delle strade frazionali del comune di Belluno e l’armamento dei pochi rimasti vigili urbani in quanto trovo assurdo che, per fare il pattugliamento notturno utile anche per combattere gli sfigati writer bellunesi e il degrado dei sabati sera, ci si debba far affiancare da una pattuglia della polizia o dei carabinieri». Roccon incolpa il sindaco di prendere la questione alla leggera. Quando, su furti e intrusioni notturne in casa, secondo lui, non è proprio il caso di stare tranquilli. «Nelle dichiarazioni del sindaco Massaro si nota come egli ritenga i furti in casa una sciocchezzuola! – dichiara il rivale con fare provocatorio -. Probabilmente egli non ha mai ricevuto la visita degli uomini in nero, non gliela auguro, perché altrimenti non parlerebbe così! Il sindaco attua sotto scadenza elettorale, guarda caso, iniziative importanti come il depliant informativo e gli incontri sul territorio! Chissà dov’era negli anni scorsi».