SANITA’: “I CONTI NON TORNATNO” I TOSIANI SONO ATTENTI A TUTTO

634

“I conti della Sanità Veneta non tornano: noi continueremo a vigilare affinché i servizi non vengano ridotti o tagliati”. Così i consiglieri regionali to­siani Giovanna Ne­gro, Ste­fano Casali, Andrea Ba­s­si e Maurizio Conte commentano le notizie a mezzo stampa emerse negli ultimi giorni. “Una gran confusione – affermano i tosiani – da una parte i conti della sanità veneta non tornano: le spese ingiustificate per le Ulss di 76 milioni che abbiamo letto sui giornali po­trebbero far rischiare il po­sto ai direttori generali de­lle az­ie­nde sanitarie, dall’altra pa­r­te si prospettano disagi di na­tura contrattuale per il personale ospedaliero a fronte de­ll’­­incorporazione e fusione d­e­­­­l­­­le varie Ulss che teoricamente doveva portare forti ri­sparmi economici. E in tutto qu­esto caos, cosa accadrà n­ei­­­ ­servizi ai cittadini?” “In questi mesi – proseguono i quattro – ci sono giunte più segnalazioni su malfunzionamenti dei servizi sanitari e ricordiamo ai cittadini che fino al 31 dicembre è attivo il nostro un servizio di monitoraggio sulla qualità dei servizi sanitari “Con questo servizio – proseguono i quattro – ci mettiamo in contatto con i cittadini e ci facciamo carico delle loro segnalazioni per dare risposte in un clima che, con questa riforma della sanità e con questi “buchi” nel bilancio, non è di certo migliorato, anzi.