SAN CARLO: GLI AGENTI DELLA POLIZIA LOCALE DI PADOVA ARRESTANO SPACCIATORE

897

Ieri pomeriggio durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nella zona di S. Carlo, la Polizia locale ha notato in via Agostini un cittadino nordafricano di giovane età che, con atteggiamento sospetto, si avvicinava ad un’auto in sosta per cedere una bustina al conducente del mezzo ricevendone in cambio una banconota: concluso lo scambio, il cittadino straniero e l’automobilista si sono allontanati in direzioni opposte. Gli agenti, a bordo di motocicli privi di insegne d’istituto, dopo aver seguito l’autovettura per un breve tratto di strada, hanno fermato l’automobilista chiedendo i documenti di identità. G.D., cittadino italiano residente a Padova, a quel punto ha consegnato spontaneamente anche la busta che conteneva sostanza stupefacente dichiarando di averla acquistata, pochi minuti prima da un cittadino nordafricano vicino alla Chiesa di S. Carlo, per 10 euro. Il conducente è stato quindi accompagnato negli uffici di via Liberi e segnalato alla Prefettura di Padova. L’involucro, il cui contenuto è risultato gr. 1,29 di hashish, è stato sottoposto invece a sequestro penale. Poco più tardi gli agenti sono ritornati in via Agostini per rintracciare il cittadino extracomunitario che aveva venduto la dose. Appena trovato, il nordafricano dopo aver mostrato un permesso di soggiorno scaduto, ha tentato di fuggire ma è stato prontamente fermato dagli agenti. Hattabi Belhasen, classe 1998, nato in Tunisia e di fatto senza fissa dimora, è stato quindi accompagnato negli uffici di via Liberi per essere fotosegnalato. Gli agenti gli hanno trovano nelle scarpe un panetto di hashish di gr. 24,72 e una banconota da 10 euro, probabilmente quella ceduta dall’automobilista. Il tunisino è stato denunciato per detenzione di sostanza stupefacente e arrestato sia per aver opposto resistenza agli agenti che per il quantitativo di sostanza rinvenuta. Processato questa mattina per direttissima, è stato condannato a un anno di reclusione con divieto di dimora nella Regione Veneto.