POLVERI SOTTILI, POLETTO: MASSIMO 20 GRADI IN CASA Il primo cittadino invita ad usare il meno possibile l’automobile e di privilegare l’uso del mezzo pubblico per spostarsi

In inverno si parla di più di inquinamento dell’aria, si discute sulle polveri sottili e sul danno recato dal riscaldamento degli ambienti, e sulle soluzioni per arginare queste minacce alla salute. A Bassano il sindaco  Ri­cca­rdo Poletto, con un’ordinanza che entra in vigore dal 28 novembre 2016 al 31 marzo 2017, ha iniziato a prendere provvedimenti per contenere l’inquinamento atmosferico nei mesi invernali e migliorare la qualità dell’aria della città. L’ordinanza prevede l’obbligo di ridurre le temperature massime per il riscaldamento civile a 18 gradi per gli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali e commerciali e a 20 gradi per tutti gli altri edifici, escluse le case di cura e di riabilitazione, le case di riposo, gli ambulatori  medici,  le  scuole  per  l’infanzia  e  le  scuole  primarie  di  primo  e  secondo  grado,  le abitazioni con malati, gli anziani a partire da 65 anni di età e i bambini fino all’età di 5 anni. Per gli autobus ci sarà l’obbligo di spegnimento nella fase di stazionamento ai capilinea, così come per motori dei veicoli merci durante le fasi di carico e scarico, per gli autoveicoli nelle soste in passaggi a livello, per i treni e locomotive con motore a combustione nelle fasi di sosta. Sarà vietata la combustione all’aperto delle biomasse dei materiali vegetali e ramaglie. Il primo cittadino invita poi ad usare il meno possibile l’automobile in città soprattutto in questo periodo e a privilegiare l’uso del mezzo pubblico  E in ogni caso, ad  us­are carburante a minor impatto ambientale.