PADRE E FIGLIO CON TBC, E’ ALLARME A MEL

477

Padre e figlio colpiti da tubercolosi a Mel. Ed è così scattata la profilassi soprattutto nella scuola frequentata dal bambino. Tutti gli alunni e gli insegnati che frequentano il plesso di Carve per scongiurare contagi sono stati sottoposti agli esami. Test e profilassi hanno già dato, però, le prime buone notizie: I settanta bimbi sottoposti agli esami sono tutti risultati negativi. Tutto è iniziato le scorse settimane quando ad un padre venne diagnosticata la tubercolosi. Erano scattati i dovuti approfondimenti sugli altri componenti del nucleo famigliare, tra cui un alunno che frequenta le elementari in uno dei plessi del comune. Il minore non aveva sintomi che potessero far pensare alla presenza della malattia, ma i medici della pediatria di Feltre, diretta dal dottor Stefano Marzini, hanno purtroppo diagnosticato la Tbc anche al bimbo. Non appena il risultato degli approfondimenti è risultato positivo, il bambino è stato sospeso dalla frequenza delle lezioni scolastiche e non ha più potuto avere contatti con altre persone. Nel frattempo, i sanitari, hanno avviato il trattamento specifico anti-tubercolare. Non appena è stato accertato il caso di tubercolosi dell’alunno della scuolasi è svolto un incontro a cui vi hanno preso parte i genitori, il dirigente scolastico Giu­seppe Som­macal e il primo cittadino Stefano Cesa. Sono stati informati tutti i presenti della situazione e di quale fosse il percorso di prevenzione previsto.