OSPEDALE DI ADRIA: ACCATTONI INSISTENTI

407

Mani tese per raccattare qualche spicciolo. Ma se l’euro non arriva le richieste si fanno pressanti. E’ questa la situazione con cui gli utenti dell’ospedale di Adria convivono da circa un mese. Gli accattoni sono tornati a presidiare il parcheggio della struttura os­pedaliera assillando, con la loro insistenza, pazienti e familiari. C’è chi veste i panni del parcheggiatore abusivo pretendendo una ricompensa in cambio delle indicazioni offerte; altri invece fanno leva sulle proprie menomazioni per impietosire chi attraversa il cortile dell’ospedale. Di fronte a una situazione ritenuta insostenibile, molti cittadini si sono rivolti alla polizia locale, che già due anni fa era intervenuta con successo nei confronti dei parcheggiatori abusivi. All’­epoca i vigili avevano preso più volte gli accattoni con le mani nel sacco, sequestrato loro l’elemosina ricevuta e alla fine erano riusciti ad allontanarli. Ma il loro esilio non è durato a lungo: le stesse persone, infatti, sono tornate a popolare il cortile del Santa Regina degli Angeli. Per il momento e in attesa di provvedimenti più efficaci per arginare il fenomeno, l’amministrazione com­unale invita i cittadini a non soddisfare le richieste degli accattoni. Ma per chi teme ritorsioni sulle auto in sosta si tratta di un ammonimento difficile da mettere in pratica.