NORDEST, SERVONO 22MILA SUPERTECNICI IL MONDO DEL LAVORO E QUELLO DELLA MECCANICA IN PARTICOLARE HA BISOGNO DI INGEGNERI, PROGETTISTI, TECNICI DELLA GESTIONE DEI PROCESSI PRODUTTIVI, CONDUTTORI DI IMPIANTI

Istruzione tecnico-scientifica passepartout per il lavoro. Nei prossimi tre anni (2019-2021) i settori “core” del Made in Italy, sempre più a trazione 4.0, avranno bisogno in Italia di 193mila supertecnici (fonte: Confindustria su dati Istat-Unioncamere). Solo la meccanica metterà a disposizione 68mila posti di lavoro nel triennio. Il Nord Est (con il Nord Ovest) fa la parte del leone con un fabbisogno del 32,8%, pari a 22mila 300 posti di lavoro nella meccanica: ingegneri, progettisti, tecnici della gestione processi produttivi, conduttori impianti. Figure professionali che in 1 caso su 3 saranno introvabili, vista l’offerta formativa che è carente soprattutto per le competenze tecnico-scientifiche medio-alte. Valorizzare l’industria per includere i giovani nel mondo del lavoro è un’assoluta priorità, con un faro sull’istruzione tecnico-professionale di qualità attraverso una più stretta osmosi con il mondo dell’impresa. Ne è convinto il Gruppo Metalmeccanico di Assindustria Venetocentro (AVC) che ha mobilitato tutti gli Istituti tecnici e professionali delle province di Padova e Treviso per la quinta “Olimpiade dei Talenti Meccatronici”, nata per mettere alla prova le competenze dei ragazzi delle classi 4^ e 5^ degli Istituti tecnologici e professionali e 3^ dei Centri di formazione professionale nel vivo delle aziende. Con risultati concreti, se è vero che il Veneto, con il 65,7%, è al primo posto per indice di occupazione dei periti. L’Olimpiade dei Talenti Meccatronici si svolgerà oggi venerdì 12 aprile, a partire dalle ore 9.00 fino alle 16.30, all’interno di un’eccellenza meccanica come ZF Padova, leader nei sistemi di propulsione e componenti per tutti i tipi di imbarcazioni, parte della multinazionale tedesca ZF. Un appuntamento, targato per la prima volta Assindustria Venetocentro, diventato best practice nazionale, sottolineata dalla partecipazione del presidente di Ucimu Massimo Carboniero e del direttore generale di Federmeccanica, Stefano Franchi. Parteciperanno alla competizione 136 studenti suddivisi in 34 team di 18 tra Istituti tecnologici e professionali a indirizzo meccanico e meccatronico, elettrico ed elettronico e Centri di formazione professionale (Cfp). A presentare la gara in ZF saranno Federico Decio, amministratore delegato ZF Padova, Antonio Vendraminelli e Domenico Vettorello del Comitato Gruppo Metalmeccanico di AVC. Alle 9.30 avrà inizio la gara con la prova teorica su sicurezza, disegno tecnico, processo produttivo, controllo numerico e lean manufacturing. Seguirà la prova esperienziale con l’analisi di un componente prodotto da ZF e del suo processo produttivo.