‘NDRAGHETA, ARRESTO BIS IMPRENDITORE IMMOBILIARE Si tratta di Saverio Di Martino, 71 anni, originario di Lamezia Terme

266

Gli agenti hanno suonato il campanello di casa De Martino, per eseguire l’ordinanza di custodia cautelare del Tribunale di Cata­nzaro: l’imprenditore immobiliare Saverio De Martino – 71 anni, originario di Lamezia Terme e da vent’anni trapiantato al Lido – è così finito in carcere a Santa Maria Maggiore. Nei giorni scorsi è stato condannato dallo stesso Tribunale calabrese a 8 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa, nell’ambito del processo alle cosche ’ndranghetiste Iannazzo-Can­niz­zaro-Dapote, che tra estorsioni, omicidi, intimidazioni si sono garantite «la gestione o comunque il controllo di attività economiche, concessioni, autorizzazioni, appalti e servizi pubblici» nell’area di Lamezia Terme, come si legge nel capo d’impurazione che ha portato a 33 condannepronunciate nei giorni scorsi dal Tribunale calabrese. d accusarlo, due collaboratori di giustiziahe avevano parlato di uno stretto rapporto tra l’imprenditore e Vincenzino Ian­nazzo.  La Procura antimafia con­­testava a De Martino di aver ospitato al Lido Vincenzino Ian­nazzo nel 2009, dopo che l’uomo era stato costretto ad allontanarsi da Lamezia Terme per contrasti all’interno della cosca.