MOLESTIE E VIOLENZA: IL CONTRASTO INIZIA IN FABBRICA È nei luoghi di lavoro che si misura il livello di civiltà di un Paese. È sempre nei luoghi di lavoro che si costruiscono la tolleranza, l’integrazione. E anche la parità tra i generi.

416

Hanno scelto la vigilia dell’8 marzo Confindustria Pado­va, Cgil Padova, Cisl Padova Ro­vigo e Uil Padova per un’intesa che non potrà che accelerare il percorso. Le rappresentanze di datori di lavoro e dipendenti han­no siglato un accordo che ha l’o­biettivo di prevenire molestie, violenze e soprusi in fabbriche e uffici. Le strutture di Confindustria e del sindacato si danno tre mesi a partire da oggi per individuare enti, privati o pubblici, a livello territoriale a cui possa rivolgersi chi, nei luoghi di lavoro, viene discriminato o vessato a causa di genere, religione o razza. Ma puntano soprattutto sulla formazione per prevenire e migliorare il benessere negli ambienti di lavoro. «Il rispetto e la dignità della persona sono valori imprescindibili – dichiara il presidente di Confindustria Padova, Massimo Finco -. L’azienda è prima di tutto una comunità, un luogo di relazione positiva che abbiamo il dovere di preservare da comportamenti in ogni caso inaccettabili».