MENINGITE, LA PROFESSORESSA RESTA SEMPRE MOLTO GRAVE

315

La prognosi è riservata e si prosegue con la terapia antibiotica per debellare la meningite da meningococco di tipo C che ha colpito un’insegnante 43enne di Cast­elfranco. La donna è ricoverata da venerdì sera nel reparto di terapia Intensiva dell’ospedale San Giacomo, dopo che le analisi hanno rilevato la presenza di una grave infezione batterica delle membrane che avvolgono il cervello. «La paziente permane in rianimazione e in questo frangente non possiamo sciogliere la prognosi. Quello che possiamo dire è che la sua situazione al momento appare stabilizzata, nel senso che non si è aggravata», spiega Roberto Rigoli, direttore del dipartimento di patologia clinica dell’ospedale Ca’ Foncello di Treviso, che ha tipizzato il ceppo di meningite, supportando i colleghi castellani nell’affrontare il caso. In questo frangente la cautela è quindi d’obbligo. L’invito che l’azienda sanitaria rivolge nuovamente alla popolazione, a cominciare dai genitori e dagli alunni del Rosselli, è a mantenere la calma e a rivolgersi al dipartimento di igiene e sanità pubblica del San Giacomo in caso di dubbi.