MANUTENZIONE SULLE STRADE “GARANZIE O STOP AI LAVORI”

315

“Dopo l’assemblea, in cui all’unanimità i sindaci bellunesi avevano chiesto risposte risolutorie dal governo fino a minacciare la riconsegna delle fasce tricolori al prefetto in mancanza di tali risposte, ci aspettavamo qualcosa di concreto dall’incontro che la Provincia di Belluno ha avuto ieri al Min­istero per trovare le coperture necessarie alla manutenzione delle strade, Purtroppo nulla di quanto non solo i sindaci ma i bellunesi tutti auspicavano è arrivato. La presidente della Provincia è tornata con l’ennesima risposta interlocutoria, che non risolve in alcun modo il problema”. E’ quanto dichiarano gli assessori regionali Elisa De Berti e Gianpaolo Bottacin. “Diciamo basta a ulteriori prese in giro: il governo – aggiungono – spende miliardi di euro per mantenere presunti profughi, si inventa 600 milioni per coprire i buchi, e sottolineiamo i buchi non i servizi, della Regione Campania, si ingegna per coprire 100 milioni di costi di una singola manifestazione sportiva, ma non trova 15 milioni di euro per le strade bellunesi. Paz­zesco!”. “La proposta di trasferire, tramite il Milleproroghe, 5 milioni alla Provincia è ridicola – analizzano i due assessori – occorre un impegno pluriennale se si intende far proseguire a Veneto Strade il servizio anche per il futuro, occorrono infine i 25 milioni di debito, che la Provincia ha già accumulato nei confronti della società, per evitare di mettere quest’ultima ulteriormente in crisi”.