L’EXPORT TIRA NONOSTANTE IL SISTEMA-PAESE Dalla Regione bandi per le imprese e battaglia per maggiore autonomia da “Roma padrona’’.

359

A breve saranno aperti i primi bandi per l’assegnazione delle risorse previste dal Programma Operativo Regionale del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (POR-FESR), che saranno rivolti particolarmente allo sviluppo delle aggregazioni, delle reti di imprese e dei distretti, all’internazionalizzazione del sistema produttivo veneto e alla ricerca e innovazione. Lo ha annunciato l’assessore regionale all’economia, energia, ricerca e innovazione Roberto Marcato partecipando all’iniziativa “Road­show Italia per le imprese-reti per l’internazionalizzazione” promossa da Confindustria di Venezia a Mar­ghera. L’assessore, richiamando i dati dell’export, ha sottolineato che «l’Italia nel 2015 ha fatto registrare un +3,8% rispetto al 2014, per un valore superiore ai 400 miliardi di euro. Il Veneto ha segnato un +5,3%, superiore alla media na­zionale, per un importo di 57,5 mi­liardi di euro, pari al 13,9% del totale nazionale. Detto così – ha ag­giunto – il dato sembra positivo, ma non lo è perché tutto questo non è avvenuto grazie al sistema-Paese ma nonostante il sistema-Paese».  «Si tratta di un problema strutturale e alle esigenze delle imprese – ha concluso l’assessore – la Regione del Veneto risponde su due piani, uno ammnistrativo con i fondi POR-FESR e uno politico con la richiesta poderosa e autorevole allo Stato di aprire una trattativa per una maggiore autonomia».