LAHORE: É GUERRA GLOBALE CONTRO NOSTRA CULTURA

384

«Il vigliacco e insensato attacco ai cristiani pakistani di Lahore rappresenta l’ennesimo tassello di una guerra ormai globale che vuole cancellare il cristianesimo, le origini e le tradizioni della nostra democrazia e della civiltà occidentale. Per l’ennesima volta, con estremo dolore, dobbiamo essere consapevoli che tutto l’Occidente è in guerra». Nel condannare la barbarie del nuovo attacco terroristico contro le famiglie cristiane che festeggiavano il giorno di Pasqua nel parco di Lahore, la seconda metropoli del Pakistan, il governatore del Veneto Luca Zaia esprime tutto il dolore e la solidarietà dei veneti per le vittime innocenti, in particolare per i bambini, annientati «da un odio cieco, incomprensibile e disumano, che strumentalizza le religioni per un assurdo disegno criminale». «Siamo purtroppo precipitati in un conflitto che non conosce confini – rimarca il presidente del Veneto – come dimostra il passaggio, seppur transitorio, di terroristi anche in terra veneta. Un simile conflitto non può essere combattuto con strumenti ordinari. L’Occidente deve unire le forze e trovare il coraggio e la determinazione per creare una ‘force de frappe’ europea,  che faccia convergere strumenti di intelligence, corpi addestrati e mezzi nell’obiettivo prioritario di intercettare e spezzare le trame di morte del terrorismo internazionale».