Il Veneto è sotto le coperte di Achille Ottaviani

448

Un’importante fetta della popolazione veneta è sotto le coperte con l’influenza. E’ successo altre volte, ma mai sono stati gli abitanti delle sette province, colpiti come quest’anno. E così fioccano le polemiche su alcune richieste di prestazioni da parte dei medici e sulla velocità di intervento. Nella sanità, la nostra Regione ha fama di eccellenza italiana ed europea, forse questa volta qualcosa è andato storto. Probabilmente il numero di persone malate era imprevedibile. Così visite, esami e interventi a domicilio hanno mandato, anche se solo per qualche giorno, in tilt il sistema. Sul tutto infuria la polemica, quando c’è di mezzo la salute, la gente si scatena. E così saltano fuori le infinite liste di attesa per una visita e la velocità di intervento da parte dei medici chiamati a domicilio. Il mix liste d’attesa, vaccini ed influenza, ha messo a dura prova il Sistema Sanitario della Regione. A tutti ha risposto, mettendoci come sempre la faccia, l’assessore alla Sanità Luca Coletto, che ha parlato di centinaia di migliaia di prestazioni erogate al 98% delle quali entro i termini previsti. Con umiltà il povero Coletto ha anche precisato che se disfunzioni ci sono state, verranno corrette. Almeno uno che non dichiara di essere perfetto.