HYPO ALPE ADRIA BANK: TAVOLO DI CRISI PER 52 DIPENDENTI

361

Un fronte comune con le contigue regioni Friuli Venezia Giulia e Lombardia e il coinvolgimento diretto del governo nazionale per sensibilizzare il ministero delle finanze austriaco sono i passi ufficiali con i quali l’assessore regionale al lavoro Elena Donazzan intende affrontare la crisi occupazionale e finanziaria che si è venuta a creare con il piano di liquidazione dell’istituto bancario Hypo Alpe Adria Bank, che conta 10 filiali e 52 dipendenti in Veneto. Incontrando le organizzazioni sindacali dei bancari l’assessore ha analizzato,  insieme allo staff dell’unità di crisi,  la situazione del gruppo bancario di proprietà della HBI-Bundesholding AG, holding di partecipazioni detenuta dal Ministero delle Finanze austriaco, e dell’istituto di credito italiano Hypo Alpe-Adria Bank, attualmente in liquidazione. La direzione di Hypo Alpe Adria è a Udine e  conta numerose filiali in Friuli Venezia Giulia, Lombardia e Veneto. «Dopo le dimissioni dell’ex direttore generale e in seguito dell’avvicendamento dell’intero consiglio di amministrazione dell’istituto – dichiara l’assessore – appare necessario acquisire informazioni dirette presso il governo di Vienna per capire le motivazioni per le quali le autorità austriache abbiano deciso di dare esecuzione al piano di liquidazione dell’istituto bancario. La Regione Veneto, per parte sua, sta valutando tutte le azioni e gli strumenti possibili ai fini del proseguimento delle attività aziendali e, conseguentemente, della tutela dei lavoratori delle filiali presenti in Veneto».