HOSPITALITY DAY: DA JESOLO UNO SGUARDO AL TURISMO DEL PROSSIMO DECENNIO Si è parlato dei trend dei prossimi dieci-quindici anni che si dovranno seguire per mantenere l'offerta turistica competitiva.

366

Quali sono i trend dei prossimi dieci-quindici anni che chi si occupa di ospitalità dovrà seguire per mantenere l’offerta turistica competitiva? Questa la domanda che anima il secondo Hospitality Day organizzato da AJA e Teamwork all’hotel Almar di Jesolo. Più di 350 aziende tra albergatori e operatori turistici presenti, provenienti da tutta Italia, hanno ascoltato gli interventi di Giancarlo Carniani, Co Founder di BTO, Mirko Lalli, Ceo di TravelAppeal, Giorgio Ri­baudo, project manager di Hor­wath htl, Alessia Saleri, hotels area manager di Booking.com, Michil Costa, titolare dell’hotel La Perla di Corvara e Donato Co­lamar­tino, business unit manager hotel division Oracle. «È importante capire dove andremo – spiega Massimiliano Schia­von, presidente AJA – perché dobbiamo capire che il petrolio di questo Paese si chiama Turismo. Programmazione e adeguamento dell’offerta turistica sono strumenti per migliorare la qualità dell’accoglienza ed è fondamentale per noi operatori del settore continuare a insistere sulla formazione per affrontare il futuro con una maggior capacità di programmazione. Per questo auspico che l’Hospitality Day di Jesolo diventi un appuntamento fisso e un punto di riferimento sempre più importante”.