EX PUGILE 70ENNE DISTRUGGE 4 SLOT MACHINE PER LA RABBIA Una furia cieca, ha afferrato uno sgabello e distrutto le macchine da gioco, convinto di essere stato imbrogliato

412

Scene da Far West, con intervento dei car­abinieri, all’interno del bar Shop Ca­ffè ­di via Chil­esotti, dove un robusto settantenne alto 1.90, ex pugile, in preda a una furia cieca ha afferrato uno sgabello e distrutto quattro slot machine, convinto di essere stato imbrogliato. Come riporta il Giornale di Vicenza la titolare dell’esercizio Laura Fontana ha presentato ai carabinieri den­uncia per minacce e danneggiamenti.  E’ una storia a due rou­nd. quando l’ex pugile che abita in un Comune limitrofo a Mon­tecchio è entrato nel bar e ha iniziato a giocare a una slot per infuriarsi quando si è inceppata. Il settantenne è tornato la mattina dopo, una volta riparata la slot, per riprendere il gioco da dove lo aveva interrotto. Non riuscendo a vincere l’uo­mo ha iniziato a innervosirsi, bestemmiare e offendere la titolare, perché la macchinetta a suo dire sarebbe stata manomessa. A nulla sono servite le assicurazioni della barista, perché animato dall’ira ha afferrato uno sgabello e ha colpito una dopo l’altra quattro slot, danneggiandole, per fermarsi solo all’arrivo dei carabinieri. L’uomo è stato accompagnato in caserma per l’identificazione e l’apertura di una procedura a suo carico.