EX POPOLARI BRUTTA PRIMAVERA DI ACHILLE OTTAVIANI

410

Con l’arrivo della primavera sembra concretizzarsi anche il tempo di giustizia per i disgraziati investitori coinvolti nel crac delle due popolari venete. Incominciando dalla Banca vicentina le novità sono che nel secondo filone d’indagine, è stata inserita una richiesta bis, di rinvio a giudizio per gli indagati. Che verrà assorbito nel primo procedimento già in corso, con nuove e pesanti accuse per Gianni Zonin & Company e con relativi sequestri. Soldi che con una condanna definitiva potrebbero essere distribuiti tra un centinaio di soci. Un’altra novità riguarda poi il giudice civile di Vicenza che ha permesso di chiedere i danni a Banca Intesa che ha assorbito le due ex popolari. Terza ed ultima novità arriva da Verona, dove un altro magistrato ha messo sotto inchiesta quattro funzionari di Veneto Banca per truffa contrattuale ai danni di una pensionata. La sfortunata ha perso l’80% di tutto il suo capitale attraverso una truffa contrattuale dell’istituto di ­Mo­n­tebelluna. La giustizia anche se con grandissimo ritardo sembra essersi messa in moto una volta per tutte.