ESPANSIONE SENZA LIMITI PER YO.GA CON YOGURTLANDIA L’azienda veneziana punta ad aprire entro l’anno trenta monomarca in più in Italia e venti in tutto il resto del Mondo.

657

Dalla Svizzera alla Bielorussia, dalla Turchia al Ghana, alla Costa d’Avorio. Non conosce confini l’espansione di Yo.ga, l’azienda veneziana ( ha sede a Musile di Piave) che vent’anni orsono ha portato in Italia e alla conoscenza il tutti il gelato di yogurt, allora di gran moda negli Stati Uniti. Dopo aver aperto più di 120 negozio “Yogurtlandia”, tutti in franchising (a giorni l’apertura di nuovi punti vendita a Roma e a Santarcangelo di Romagna) Yo.ga ha pensato ad espandersi, dapprima in Francia, Portogallo e Grecia poi piano piano in tutto il Vecchio Continente. Iniziata l’avventura anche in Africa, in Costa d’Avorio e Ghana, l’azienda veneta sta portando a termine altri importanti contratti, uno dei quali, top secret, farebbe scrivere di Yo.ga in tutto il mondo. L’obiettivo è di portare, entro l’anno, il numero dei monomarca da 120 a 150 in Italia e di salire da 30 a 50 nel mondo. «Aprire un nostro spazio – dice Alessandro Galante, amministratore di Yo.ga – è estremamente facile, con poca spesa. Il gelato di yogurt ormai ha moltissimi proseliti. Le donne, ad esempio, lo amano non solo per il gusto ma anche perché apporta un minor numero di calorie rispetto al gelato tradizionale». Yo.ga con un fatturato attorno ai 3 milioni di euro è in continua crescita.