DONA UN RENE A SUA MOGLIE “LA AMO E’ IL REGALO PIU’ GRANDE”

634

Dice di campare recuperando ferrame di vario genere che poi rivende a chissàchi. Le illazioni sul suo conto si sprecano e forse non sono neppure illazioni. Ma non è questo il punto. Non ora. Perché Elvis Seferovic, 50 anni, padre di 11 figli, capo indiscusso della comunità di nomadi di via Bassette, ha deciso di donare un rene. Lo donerà a sua moglie Hanka Mujic, in dialisi ormai da anni. la Commissione regionale ha dato il suo assenso. Tra due settimane il nomade sarà ricoverato insieme alla consorte e in una sala operatoria dell’ospedale di Padova sarà eseguito il trapianto. «Lo faccio perché la amo e sono disposto a tutto pur di darle una speranza», dice quasi commosso. Elvis e Padova. Non è sempre stato un rapporto idilliaco e forse non lo sarà mai. Neanche adesso che il campo di via Bassette non c’è più e che il nome “Elvis Seferovic” è scritto sull’etichetta adesiva di un campanello, in una vecchia palazzina in zona Stanga. La donazione di rene tra coniugi, in questi ultimi 15 anni, anche in Italia è diventata sempre più frequente. È di facile attuazione dal punto di vista procedurale, proprio in virtù del particolare legame affettivo che esiste tra chi dona e chi riceve.