CON LA BANDA ULTRA LARGA SI CABLA TUTTO IL VENETO Investimento da 400 milioni. Il primo incontro si tiene a Verona

412

La Regione del Veneto, in accordo con il Ministero dello Sviluppo Economico, ha avviato il Piano di Sviluppo della Banda Ultra Larga. L’investimento complessivo di circa 400 milioni di euro – di cui 83 milioni di fondi europei che la Regione ha finalizzato a questo intervento e il restante da fondi governativi FSC – prevede di realizzare in tutte le aree “bianche” del territorio regionale (ovvero non servite dagli operatori) un’infrastruttura pubblica di rete che permetterà di fornire a tutti almeno i 30 Mbps, e in molte aree di realizzare un’infrastruttura in grado di ab­ilitare i 100 Mbps.  L’operazione è stata illustrata a Palazzo Balbi a Venezia dall’assessore regionale allo sviluppo economico, Ro­berto Ma­rcato e dal dg di Infr­atel Italia S.p.A. Sal­vatore Lombardo. “L’Ac­cordo di Programma, che ci vede impegnati nella realizzazione di questa opera strategica con il Ministero – ha detto Marcato – prevede un ruolo attivo anche dei comuni. Per questo abbiamo programmato incontri nei comuni capoluogo delle sette province – il primo a Verona – con l’obiettivo di spiegare e dettagliare le ripercussioni del Piano a livello territoriale. Per velocizzare i cantieri sul proprio territorio ogni comune sarà infatti chiamato a sottoscrivere una convenzione tecnica con Infratel Italia. Invito quindi i sindaci di tutti i comuni veneti ad essere presenti a questi incontri“.