BANDITO DALL’ULSS Il medico percepiva doppio stipendio operava in ambulatorio a Treviso e Mestre

736

L’Usl licenzia il dottore della guardia medica con il doppio lavoro. Il medico operava nel servizio di continuità assistenziale di Treviso e allo stesso tempo anche nell’ambulatorio di una struttura convenzionata di Mestre. Così riusciva a portarsi a casa due stipendi. Peccato che la doppia attività per conto del sistema sanitario nazionale sia tassativamente vietata. Tanto più se non dichiarata. Incompatibile: così sentenzia l’accordo collettivo che regola i rapporti con i medici di base a livello nazionale. Da parte sua, il medico, nel corso procedimento disciplinare ha anche provato a chiedere di essere sottoposto a sanzioni alternative. Per infrazioni meno gravi, ad esempio, è solitamente previsto un taglio dello stipendio in percentuale per alcuni mesi. Ma il collegio arbitrale di Venezia non ha voluto sentire ragioni.