AUTONOMIA: LA SANITÁ NE É IL PARADIGMA VIRTUOSO Luca Coletto commenta l’avvio del cammino autonomista e referendario dato dal presidente della Regione.

378

«La buona gestione della sanità, che è riconosciuta al Veneto a livello internazionale, l’ultima volta dai massimi vertici dell’Organizzazione Mondiale della Sanità proprio a Venezia, è il paradigma sul quale si misura la capacità di applicare il federalismo e di utilizzare al meglio l’autonomia. Il Veneto ha saputo sinora ottenere tutto il possibile dall’applicazione della riforma del titolo quinto della Costituzione. Con l’autonomia che da oggi puntiamo a conquistarci grazie all’iniziativa del Presidente Zaia faremo molto di più. Per la nostra gente, non per noi amministratori o per la politica». Con queste parole, l’assessore alla Sanità del Veneto Luca Co­letto commenta l’avvio del cammino autonomista e referendario dato dal Presidente della Regione con la presentazione di una specifica delibera e la firma di una lettera al Presidente del Consiglio dei Ministri con la quale si è aperta la procedura istituzionale. «Questo – aggiunge Coletto – è il vero cammino verso la vera Europa, quella dei popoli e non dei vertici parolai e delle norme astruse, quella dove le Regioni tedesche, austriache, e di tante altre Nazioni gestiscono in proprio la sanità utilizzando le tasse pagate dai loro cittadini e a loro rispondendo dei risultati ottenuti. Anche in un sistema sostanzialmente centralizzato come quello italiano – dice Coletto – la gestione regionale della sanità ha dimostrato quanto valido potrà essere un sistema autonomista».