ATTACCO DIRETTO A ZAIA: GAZZABIN NON È LAUREATO

909

Piomba sulla riorganizzazione dei dirigenti regionali un attacco diretto a Fabio Gazzabin, capo delle segreteria di Luca Zaia, che mira a tenere sotto scacco il presidente. Gazzabin non ha la laurea, requisito che sarebbe necessario per la carica che ricopre. Lo sos­tiene un rapporto , scritto evidentemente da un avvocato, che ipotizza un danno erariale in capo a chi l’ha nominato. La manovra è chiara: sparano a Gazzabin per colpire Zaia direttamente sul portafoglio. Un eventuale danno erariale, sanzionato dalla Corte dei conti, andrebbe sanato attingendo al conto in banca dell’amministratore pubblico che l’ha provocato. Era già successo con la no­mina di Luca Felletti, che arrivava da Veneto Sviluppo, dove a quan­to pare era approdato senza laurea. Solo che nel frattempo Fel­­letti se l’è procurata, anche se a rigore non era tenuto ad averla per trasferirsi a palazzo Balbi: gli bastava avere «adeguata e do­cu­­mentata esperienza». Come non è tenuto Gazzabin. I due so­no messi al riparo dalla legge 54/2012 che, per i loro incarichi, prevede l’assunzione su base fi­du­ciaria, come per il segretario di giunta Mario Caramel e il direttore della sanità Domenico Man­to­an, prevede l’assunzione su ba­­se fiduciaria. Questi quattro so­no gli unici ad avere un contratto di diritto privatistico, senza le tutele della dirigenza di ruolo.