Acqua avvelenata grave emergenza di Achille Ottaviani

493

Quello dell’inquinamento dell’­acqua è un problema più serio e più grave di quello che si vuol far credere ai cittadini. L’allarme PFAS è una vera e propria emergenza. Il ministero dell’Ambiente ha deciso di stanziare ben 120 milioni di euro per tentare di risolverlanella nostra Regione, un contributo che servirà per realizzare una serie di opere. In particolare, una rete di tubazioni lunghe 81 chilometri a salvaguardia degli acquedotti interessati. Sono 21 i Comuni veneti coinvolti tra le provincie di Vicenza, Verona e Padova. Ora si aspetta la nomina del commissario che potrebbe essere, e lo speriamo, lo stesso presidente della regione Luca Zaia. Il problema nasce molti anni fa, ma di fatto esplode negli anni ‘70 e nel frattempo le sostanze perfluoroalchiliche hanno inquinato le falde acquifere di molti comuni. La Regione ci lavora dall’anno scorso. Va apprezzato che il governo questa volta abbia fatto la sua parte e capito che i PFAS sono una vera emergenza. Stanziando i 120 milioni ha fatto il suo dovere, ora il tutto va affrontato con estremo rigore.